Featured Posts

scegliere uno stile di moda personale
Scegliere lo stile personale per imparare a vestirsi bene
Sai che per imparare a vestirsi bene serve stile e personalità? Ti lascio alcuni consigli in base alla mia esperienza.
View Post
Milano Fashion Week-Collezione Primavera Estate 2018 - Fendi
La settimana della moda a Milano e le collezioni Primavera Estate 2019
Qui trovi un riassunto della Milano Fashion Week di settembre 2018, in cui sono state presentate le collezioni Primavera Estate 2019.
View Post
Parigi Fashion Week_Saint Laurent sfilata
Bonjour Paris: il mio racconto sulla Parigi Fashion Week
Il mio resoconto sulla Parigi Fashion Week 2018 con le foto delle sfilate di Gucci, Yves Saint Laurent e Balmain.
View Post
To top
9 Gen

I tessuti di alta moda che devi conoscere prima di un acquisto

tessuti d'alta moda_il cotone

Ti chiedi mai come è stato fabbricato il vestito che hai acquistato? Vorresti sapere qualche informazione in più sul tessuto con cui è stato realizzato un capo per capire che cosa stai per indossare?

Se è vero che da un tessuto si può riconoscere l’alta qualità di un prodotto, è anche vero che un bravo stilista o chi in generale lavora nella moda è capace di creare un abito e renderlo prezioso non solo per il materiale con cui è stato realizzato. Questo per dire che tra i tessuti di alta moda si utilizzano sia materiali naturali sia quelli sintetici. Tra i materiali tessili naturali c’è il cotone, la seta, la lana e il cachemire; tra quelli sintetici il nylon, l’acrilico, il poliestere.

I diversi materiali tessili naturali

Il cotone: è un tessuto versatile, molto resistente per via delle sue fibre naturali. È molto utilizzato perché fa respirare la pelle, motivo per cui si ama in estate. Si utilizza per diversi capi di abbigliamento: top, camicie, gonne, abiti, pantaloni ma anche per la lingerie di casa come le lenzuola, per sentirsi sempre freschi anche tra le coperte.

abito in cotone

La seta: è la fibra naturale più costosa del mondo. Viene prodotta da più di 30 paesi, tra cui la Cina, il Giappone e l’India. L’Italia utilizza tanta seta come materia prima, essendo tra i paesi leader nella sua fabbricazione. È un tessuto elegante, morbido, molto raffinato e aristocratico. È fresco d’estate e caldo d’inverno e si utilizza per realizzare camicette, abiti da sera, pantaloni, bluse.

La lana è una fibra tessile di origine animale ed è la più resistente. Viene ricavata dalla tosatura delle pecore di razza Merino e di razza incrociata. È la più diffusa e importante fibra animale ma ci sono tante varietà, classificate in base alla finezza, alla lunghezza e alla lucentezza.
Il difetto più evidente della lana è l’effetto pilling, ossia la formazione in superficie di piccoli agglomerati di fibra, da cui dipende anche la qualità di un capo di abbigliamento.
La sigla “pura lana vergine”  indica che la fibra non è stata rigenerata. La lana si utilizza per diversi capi di abbigliamento come maglioni, cappotti, poncho, capospalla e  cardigan. Si utilizza anche per la produzione di tappeti da mettere vicino al letto, in mezzo al soggiorno o davanti al cammino.

maglione in lana

Un tessuto molto pregiato che deriva sempre dalla lana è il cashmere. Viene prodotto in una quantità minore e anche da questo dipende il suo prezzo più alto. Si utilizza per diversi capi di abbigliamento (sciarpa, guanti, maglioni, cappelli) ed è tra i tessuti d’alta moda che più mi piace insieme alla seta.

guanti in cashmere Falconieri

I materiali tessili sintetici

L’acrilico è una fibra sintetica usata in tessitoria e maglieria da sola o mescolata con altre fibre. Si tratta di un materiale molto resistente che si può colorare con facilità. Si mischia con le fibre naturali per dare più robustezza al tessuto.
Tra i materiali sintetici più resistenti c’è il nylon. Con ottime proprietà meccaniche consente le pieghettature e dà stabilità. La pecca di questo tessuto, però, è che non fa respirare bene la pelle.

sciarpa in poliestere

C’è, infine, il poliestere, una fibra sintetica con scarsa capacità di ritenzione idrica. Non perde facilmente il colore, ha tanti pregi ma è anche sconsigliato. I capi di questo tessuto non si stropicciano e sono facili da trasportare nella valigia, facili da asciugare e lavare. Un’altra qualità è il suo prezzo “low cost”, motivo per cui non rientra fra i tessuti di alta moda.
Per certi versi è sconsigliato. Contiene la plastica – polietilene (PET) – non degradabile e proviene dal petrolio. Purtroppo è la fibra più utilizzata nell’industria tessile per il suo prezzo low cost e per la sua alta versatilità nelle sfilate di moda.

Ora che avete qualche informazione in più sui diversi tessuti che si utilizzano per creare un capo d’abbigliamento, ricordate sempre di controllare con attenzione l ‘etichette prima di ogni acquisto. È molto importante conoscere  la composizione  del tessuto e pensare sempre alla vostra salute. Non dimenticate, infatti, che le fibre naturali sono sempre le più consigliate.

Leggete sempre l’etichetta per fare un acquisto consapevole! Vi aiuterà a essere più serene.

Eugenia Mares

Mi chiamo Eugenia e in questo blog voglio raccontarti tutte le storie che hanno reso speciale la mia vita.

No Comments

Leave a reply

Accetto che l'indirizzo email, l'indirizzo IP e i cookie saranno utilizzati per semplificare la mia autenticazione e la pubblicazione dei commenti, così come descritto dettagliatamente nella normativa sulla privacy